salvatore ferragamo

Salvatore Ferragamo, il calzolaio delle stelle. L’uomo, la storia, il marchio.


Oggi ti porto nel fantastico mondo delle scarpe, raccontandoti un designer eccezionale: Salvatore Ferragamo. Colui che ha stregato le star di Hollywood con le sue creazioni, e che ancora oggi, vive attraverso le collezioni di un brand riferimento del Made in Itay.

Salvatore Ferragamo, l’uomo e la storia

Salvatore nasce nel 1898 in un paese in provincia di Avellino, Bonito. Nel 1914, parte per gli USA e si trasferisce a Boston dove lavora per una fabbrica di scarpe del luogo, la Queen Quality Shoes Company. Ma il suo posto non è quello, e decide di raggiungere i fratelli in California, a Santa Barbara.  Qui apre la sua prima bottega. Un laboratorio che ben presto diventa punto di riferimento dell’industria cinematografica. Realizza scarpe su misura e lavora per l’ America Film Company.

È proprio in questo periodo che gli viene dato il nome di calzolaio delle stelle.

La cronistoria

Agli inizi degli anni ’20 apre l’ Hollywood Boot Shop, uno store che fa scalpore tra le starlette del cinema. Frequenta anche un corso di anatomia all’Università di Los Angeles, tutto ciò per riuscire a realizzare la scarpa perfetta: che sia comoda e bella. E ovviamente raggiunge nell’impresa. Inserisce all’interno della suola un sostegno per migliorare la distribuzione del peso del corpo sul piede.

Il calzolaio delle stelle nel 1927 decide di ritornare in Italia, vista la mancanza di abili artigiani negli Stati Uniti, si trasferisce a Firenze, dove apre la sua bottega: Calzaturificio Ferragamo.

È nel 1930 che l’artista futurista Lucio Venna realizza la sua campagna pubblicitaria per il marchio Ferragamo’s creations Florence Italy.

Nel 1938, Salvatore Ferragamo acquista il Palazzo Spini Feroni di Firenze per la sede della sua azienda, ancora oggi quartier generale della società e dal 1995 sede del Museo Salvatore Ferragamo.

Siamo nel 1958 e il simbolo del “gancio” compare su una borsa. Un’immagine, che anche se non rappresenta il logo del brand, diventa comunque rappresentativa. Spesso presente negli accessori e nelle stampe.

salvatore ferragamo

Il 7 Agosto del 1960, muore Salvatore Ferragamo. E nello stesso anno, i figli e la moglie Wanda fondano il marchio che porterà la sua firma.

L’azienda resta nelle mani della famiglia, con l’introduzione successiva di diverse linee: abbigliamento donna e uomo, accessori, profumi.

Salvatore Ferragamo, lo stile e i modelli icona

Un grande artigiano, un lungimirante designer, un attento ricercatore. Le sue scarpe sono diventate ormai simbolo nella storia della moda, non solo italiana, ma mondiale.

Come non ricordare la fantastica scarpa Rainbow? Brevettata nel 1938, una zeppa in sughero, mai vista prima. Moderna e originale sia nella forma che nei materiali. Grazie all’attrice Judy Garland, questo modello diventa un must.

E ancora, grazie alla creazione del “sandalo invisibile” vince il Neiman Marcus Award. Un unico filo di nylon trasparente, ottenuto dalla lenza dei pescatori, tomaia in capretto e intersuola a zeppa di legno a forma di F rivestita in capretto.

Nel 1954 realizza la ballerina “Audrey”. Inventa  la suola a conchiglia che si prolunga fino al tallone risalendo sulla tomaia avvolgendo con eleganza il piede. La sua è stata elaborata sulla base dell’opanke, il mocassino degli Indiani d’America.

Ma non finisce qui: tacchi scultura, suole in metallo, cristalli preziosi, piume, pelli di ogni genere. Le shoes di oggi, rappresentano i concetti, le ispirazioni e la storia dei modelli creati da Salvatore Ferragamo. Un rivoluzionario che ha stravolto il concetto di scarpa, facendo sognare le donne di tutto il globo!

Ovviamente, non puoi lasciarti sfuggire la borsa nell’immagine, un pezzo originale Salvatore Ferragamo.

Qui nel mio shop, inoltre, puoi finalmente appagare la tua sete di shopping compulsivo 😉